Questo sito utilizza cookies propri e di terze parti. Se si continua a navigare sul presente sito, si accetta il nostro utilizzo dei cookies.

 

Il nostro motto è :

"L'unione fa la forza"

 

 Qualche domanda...e qualche risposta 

 

Come si costruisce un menu?

I menu sono costruiti seguendo le linee guida che la Regione Lombardia e l'ASL hanno messo a punto nel rispetto di precise tabelle ministeriali che regolano i corretti apporti di ogni elemento (proteine, vitamine, lipidi, zuccheri) e le grammature delle singole porzioni, in relazione alla tipologia di utenza destinataria del pasto.

Naturalmente, stiamo parlando di ristorazione "collettiva", destinata quindi a una comunità (nel nostro caso quella scolastica di Cinisello Balsamo), che ha diverse caratteristiche socio-culturalieconomiche comuni e quindi rappresenta un target abbastanza omogeneo.

 

Cosa sono le diete speciali?

Le diete speciali possono essere costruite per motivazioni di salute (intolleranze, allergie, ecc.) o culturale-religioso. E' prevista anche una dieta "leggera" nei casi in cui a seguito di particolari patologie il bambino deve seguire un regime alimentare particolare, generalmente per un periodo di tempo limitato. Naturalmente tutte le richieste di diete collegate a motivi di salute devono essere certificate dall'autorità sanitaria.

 

Chi sono gli "attori" in scena?

• Il Comune, con l'ufficio di ristorazione scolastica che segue la ristorazione dal punto di vista amministrativo, economico, e nutrizionistico grazie alla presenza di una dietista.

• La società che ha in appalto il servizio di ristorazione (al momento la CIR), e che produce i pasti nel centro cottura situato in via Monfalcone a Cinisello Balsamo.

• La società che effettua i controlli di qualità a campione (sia presso il centro cottura che presso i vari refettori scolastici), e che al momento è la società Conal.

• Le commissioni mensa delle varie scuole.

• Gli utenti finali, cioè i bambini (e indirettamente la loro famiglie) e gli insegnanti.

 

Cos'è la commissione mensa?

In ogni scuola del territorio esiste una commissione mensa, composta da alcuni genitori che si rendono disponibili per tale compito, e da un insegnante. Tutte le commissioni mensa cittadine si riuniscono almeno una volta all'anno nei cosiddetti "Circoli di qualità", con la presenza di rappresentanti del Comune, dell'azienda erogatrice dei pasti (nella fattispecie l'appalto è assegnato alla CIR) e della società incaricata di effettuare i controlli di qualità (società Conal).

 

Cosa fa la commissione mensa?

I componenti della commissione mensa a turno osservano quotidianamente lo svolgimento del momento del pasto all'interno dei refettori scolastici, assaggiando il cibo proposto, rilevando il gradimento proprio e quello dei bambini, e compilando infine una apposita check list che viene poi consegnata periodicamente all'ufficio ristorazione scolastica del Comune.

 

Come è fatta una check list?

Nella check list viene chiesto di valutare il menu del giorno (diviso in: primo piatto, secondo piatto, contorno e frutta/dessert). La valutazione viene fatta dal genitore incaricato della commissione mensa e deve essere il più possibile oggettiva; viene chiesto di valutare il grado di cottura, la temperatura e il gusto di ogni piatto, ed infine di esprimere un giudizio (buono-sufficiente-scarso).

Si guarda poi al gradimento dei bambini, e si calcola approssimativamente la percentuale di scarto del cibo nei piatti. C'è poi uno spazio per note, osservazioni, ecc.

Le check list vengono consegnate poi all'ufficio di ristorazione scolastica, e una copia resta agli atti della scuola.

 

Come avviene la segnalazione di un problema riguardante i pasti nelle scuole?

Se vengono rilevati o segnalati problemi durante il pasto in relazione ad un piatto specifico, il compito del rappresentante della commissione è quello di avvisare immediatamente il/la responsabile della CIR presente in quel momento in refettorio (se presente anche la dietista e l'addetta Conal, presenti a campione nelle varie scuole), il/la quale darà subito avvio alla prassi prevista (isolamento del piatto dove sono stati rilevati problemi, e analisi dello stesso).

Oltre alla segnalazione di problemi si possono rilevare attraverso la check list altre questioni relative più propriamente al gusto dei cibi, alla proposta di cambiamenti nelle ricette, ecc., sempre nell'ottica di un miglioramento del gradimento del servizio in tutte le sue parti.

E' anche auspicabile che la check list sia anche strumento per segnalare i gradimenti, gli aspetti positivi che vengono rilevati, e non solo le criticità, perchè tutto concorre a migliorare la resa di un piatto.

 

E' importante sapere che...

• Esiste un progetto del Comune che recupera la frutta non consumata (naturalmente intatta), per destinarla, attraverso alcune associazioni del territorio, a famiglie indigenti.

• Nel rispetto delle grammature e del bilanciamento nutrizionale nei piatti, di norma non è previsto concedere il "bis" dei piatti a richiesta.

• Sul territorio di Cinisello Balsamo vengono erogati circa 4000 pasti al giorno destinati alle scuole dell'infanzia, primaria e secondaria.

 

Qualche piccolo suggerimento per genitori e insegnanti...

• Stimoliamo i bambini all'assaggio: invitiamo sempre a sperimentare e assaggiare un piatto nuovo prima di lasciare che il bambino lo rifiuti a priori: spesso dopo un assaggio si fanno ottime scoperte, e nel caso di un rifiuto, questo potrà quanto meno essere motivato.

• Evitiamo di dare ai bambini merende di metà mattina troppo sostanziose, dolci, farcite o grasse...oltre a essere dannose, toglieranno appetito in vista del momento del pranzo.

• A casa si trovi sempre il momento per introdurre anche alimenti insoliti e mai provati prima (specie verdura e frutta, in fondo alla classifica di gradimento dei bambini), magari coinvolgendo i bambini nel loro acquisto, preparazione, ricetta, ecc...

• Invitiamo sempre i bambini a non sprecare...a portare a casa il panino non consumato, o il frutto non mangiato: a casa non verrà certo buttato via!

 

Per finire...

Ricordiamoci che collaboriamo tutti con l'obiettivo di tutelare e salvaguardare la qualità e la bontà di ciò che i bambini mangiano, perché sia sano, aderente dal punto di vista alimentare ad un corretto apporto di sostanze nutrienti, ineccepibile dal punto di vista igienico-sanitario, gradevole al gusto.

E...buon appetito!

Eventi

OTTOBRE 2018
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

Sponsor

Simone Carni